L’esterometro misura gli acquisti da soggetti non stabiliti

La fattura elettronica è divenuta obbligatoria per le operazioni B2B e B2C tra soggetti residenti e stabiliti.
Per le operazioni con soggetti non residenti e non stabiliti è stata lasciata libertà di scelta al contribuente, in relazione alla possibilità di emettere una fattura elettronica.
Pertanto le fatture di acquisto di beni U.E. e di servizi U.E ed extra U.E restano analogiche, non sussistendo per questi soggetti l’obbligo di fatturazione elettronica.
Per operazioni di acquisto e vendita con soggetti non residenti, è stato così introdotto un nuovo adempimento mensile: la comunicazione dei dati delle operazioni transfrontaliere, anche nota come “estrometto” (La prima comunicazione relativa ad operazioni effettuate e ricevute nel gennaio 2019 è in scadenza al 28 febbraio 2019.
La comunicazione non include le operazioni, effettuate e ricevute, già documentate con una e-fattura o con una bolla doganale.